Sarri manda a quel paese la giornalista.

nessun commento Serie A , ,

Sarri manda a quel paese la giornalista. La Juventus vince sempre, il Napoli no: capita che perda, capita che pareggi. E la Juventus anche quest’anno se ne va. aleggia un’aria di rassegnazione in casa Napoli, come se tutto fosse già deciso. La batosta casalinga contro la Roma e il pareggio di ieri in casa dell’Inter, sembrano essere stati accolti con rassegnazione in casa Napoli e l’impressione è che proprio il Napoli stesso sia il primo a non credere più allo scudetto. E si capisce: fai un’annata straordinaria, giochi al di sopra del massimo, ma la tua avversaria prende il largo. E Sarri diventa nervoso. Ecco il video di come risponde a una giornalista che gli chiede della Juventus. 

Sarri manda a quel paese la giornalista
Sarri manda a quel paese la giornalista

Da goal.com

L’allenatore del Napoli si è lasciato andare ad una risposta poco carina con una cronista in sala stampa, poi ha chiesto scusa in privato.

Dopo il pareggio a San Siro contro l’Inter, Maurizio Sarri ha palesato parecchio nervosismo a fine gara nel rapporto con i giornalisti. Prima ha lasciato l’intervista a ‘Mediaset Premium’, poi in conferenza stampa si è reso protagonista di una risposta non proprio carina.

Una cronista ha chiesto: “Sono troppo dura se dico che questa sera il discorso Scudetto si è compromesso?” Lui ha avuto un attimo di silenzio e poi è sbottato: “Dico che sei donna e sei carina, per questo non ti mando a…”.

Come vedere tutto il calcio in streaming gratis e in modo legale

L’allenatore del Napoli subito dopo la conferenza stampa si è reso conto di aver ecceduto nei toni e, anche con il capo della comunicazione azzurra Nicola Lombardo, ha chiesto scusa in privato alla cronista.

Pronostici serie B

Evidentemente, com’è anche naturale che sia, la rincorsa contro la Juventus ha reso un po’ nervoso l’allenatore del Napoli, visto che nonostante gli sforzi e l’ottimo campionato, si trova nuovamente alle spalle della Vecchia Signora, che in questo momento sembra inarrestabile.