Clausole rescissorie Serie A: svelate le più importanti

nessun commento Serie A , ,

In Spagna è praticamente obbligatorio averne una e da qualche anno anche in Italia le clausole rescissorie stanno sempre più comparendo sui contratti dei giocatori.

Cosa é una clausola rescissoria? Semplicemente la cifra che va pagata per liberare un giocatore dal contratto con la sua squadra. Nella storia recente hanno cambiato squadra in questo modo Pjanic e Higuain, ma anche i 222 milioni per Neymar sono stati accettati suo malgrado dal Barcellona proprio per via di questa clausola.

Andiamo a vedere quali sono le più importanti attualmente attive sui giocatori di Serie A.

Da sport.sky.it

E’ un calciomercato di gennaio che, almeno in Serie A, ancora non fa segnare colpi importanti. Tra rumors e trattative, c’è chi addirittura guarda già giugno per capire se e cosa potrebbe cambiare nella propria rosa. La Roma su tutti, con in ballo il futuro da definire di Nainggolan e Strootman. Ma è anche un mercato che, inevitabilmente, deve tenere conto delle clausole rescissorie.

Clausola rescissoria, ma cos’è?

Pur essendo un argomento ormai assai dibattuto, vale la pena ricordare che la clausola di rescissione – pur non presente nel Codice Civile – in un contratto di un calciatore indica la possibilità da parte di quest’ultimo di recedere unilateralmente dall’accordo con il club di appartenenza dietro il pagamento di una data cifra. Di qui, si apre un mondo. Un mondo che per l’Italia rappresenta tutto sommato una novità, mentre all’estero, a partire da Spagna e Portogallo, ha radici più profonde. Senza dimenticare, che vafatta una distinzione tra quelle che hanno valore anche nel nostro campionato e quelle per le sole offerte dall’estero.

Napoli, da Cavani a Mertens

Il concetto, o più precisamente lo strumento della clausola rescissoria in Italia è stato introdotto dal Napolidi Aurelio De Laurentiis. Torniamo all’agosto del 2012 quando per El Matador Edinson Cavani, allora rinnovato fino al 2017, fu fissata una clausola di 60 milioni. Un anno dopo, il 16 luglio 2013, passò al Paris Saint-Germain (operazione da 64 mln). Cifra ben più importante quella della clausola fissata per Gonzalo Higuain90 milioni, poi sborsati dalla Juventus per prendere l’argentino. Di fronte a queste cifre sembrano essere quasi un’inversione di tendenza i 28 milioni (25 più premio di formazione) della clausola di Dries Mertens. Un motivo in più per accelerarne il rinnovo: il contratto del belga, infatti, è in scadenza. Nella rinegoziazione, Il Napoli chiede di eliminare o, al massimo, aumentare la clausola attuale; gli agenti, invece, chiedono un aumento dell’ingaggio. Mertens ora guadagna 4 milioni più 1 di bonus e ne vorrebbe circa 6, per andare a guadagnare come i top della Serie A.

Fifa 19 potrebbe non uscire mai!

Tutte le clausole “estere” del Napoli. E quella di Sarri

Oltre alla questione Mertens, nel Napoli è evidente come nell’ambito delle clausole fissate per l’estero, i titolari siano un po’ meno coperti. Per intenderci, il difensore Raúl Albiol (32 anni), è a quota 8 milioni. La stessa cifra fissata, e questa è una curiosa eccezione, per l’allenatore Maurizio Sarri. Campo o panchina, in generale si tratta di un rischio se si tengono presenti i milioni “facili” sborsati negli ultimi giorni, ad esempio per Coutinho dal Liverpool al Barcellona. Di seguito la grafica che riepiloga la situazione degli azzurri.

Icardi e Belotti in cima alla classifica delle clausole

Si diceva dei 160 miloni, senza dubbio eccessivi, per Coutinho. Di fronte a questa vagonata di euro, anche le clausole rescissorie dell’interista Mauro Icardi e del torinista Andrea Belotti, appaiono non poprio blindate. Qui l’elenco completo in ordine di valore:

Icardi 110 milioni (valida solo per l’estero)
Belotti 100 milioni (valida solo per l’estero)
Zielinski 65 milioni (valida solo per l’estero)
Rog 60 milioni (valida solo per l’estero)
Maksimovic 55 milioni (valida solo per l’estero)
Hysaj 50 milioni (valida solo per l’estero)
Suso 45 milioni
Ghoulam 35/50 variabile (valida solo per l’estero)
Strootman 45 milioni (valida solo per l’estero)
Mertens 28 milioni (valida solo per l’estero)
Praet 26 milioni
Torreira 25 milioni
Pellegrini 25/29 milioni variabile
Raul Albiol 8 milioni (valida solo per l’estero)
Caceres 5 milioni

Juventus, l’eccezione: senza clausole

Politica diversa, al momento, per la Juventus. La società di Andrea Agnelli non è ancora ricorsa alle clausole rescissorie con i propri calciatori. Una strategia che invece piace a Napoli, Roma e Inter e che può dare ai club ricavi, manco a dirlo, esagerati.